Poesia – Pistringu, Pistingu, Fristingu… Quello

da | 25 Dic 2020 | Nuvolie

Sonetto caudato.

Verde dolcissimo roseo còlto
 nell'incolto campo sulla collina
 dalla pesante madre ch'era piantina,
 dal paterno fuoco è stato cotto.
/
 Poi gusci rotti da nonno Ferro, 
 neve di mandorle, buccia d'arance, 
 tritato cioccolato e fichi 'n pance 
 bianche, riposte dov'è bótte il cèrro.
/
 Bianca Marisa d'aurora vestita
 nella tinozza poi tutto rimésta,
 con l'anice, l'olio, caffè, e lèsta

 nell'unte teglie, bene, ha spartita
 la melma d'adamo dolce d'inverno
 condannata al fascinato inferno...
/
 Quasi mi scordavo nella ricetta
 mosto, zucchero, pane e uvetta.

Franck Lefleur

Un dolce povero fuori ma ricchissimo dentro, come dovrebbe essere il Natale.

Ti è piaciuta la pagina? Condividila in un click!